TOSTATURA A CICLO LENTO

Tostatura a ciclo lento: un termine che apparentemente può farci sorridere, ma che in realtà sottlinea, nella sua "drammaticità", l'involuzione che l'arte della della torrefazione ha dovuto subire nel corso degli ultimi decenni. Da sempre mi è stato insegnato che la durata del ciclo di torrefazione del caffè, a seconda di parametri aleatori non modificabili direttamente (pressione atmosferica, temperatura e umidità ambientale, umidità residua del prodotto), può essere ricompreso tra i diciotto ed i ventuno minuti: solo ed esclusivamente in questo intervallo il caffè crudo si trasforma totalmente, raddoppiando le proprie dimensioni, perdendo sino al venti per cento del proprio peso e dando vita a quelle "magiche" trasformazioni chimiche che permetteranno ad un banale chicco legnoso di regalarci quell'apoteosi di profumi, aromi e sensazioni olfattive che allieteranno i nostri sensi ancor prima di sorbire l'agognata tazzina.
Il procedimento di torrefazione industriale, d'altro canto, dovendo concretizzarsi nella quantità produttiva e nel risparmio globale, riduce i tempi di torrefazione da cinque a nove minuti, garantendosi in tal modo un minor calo peso (e conseguentemente una maggior quantità di prodotto finito) ed una maggiore capacità produttiva negli stessi tempi di lavorazione. Purtroppo però il caffè, essendo sottoposto ad un vero e proprio "shock termico", non riesce a terminare con successo tutte le trasformazioni chimiche che avverrebbero con una tostatura tradizionale , ed il risultato è necessariamente un prodotto bruciato esteriormente ma ancor crudo all'interno, amaro al gusto, poco salutare per la nostra digestione e responabile di quei "bruciori di stomaco" che troppe volte ci fanno rinuciare all'amata tazzina. Oggigiorno, quindi, ciò che era conociuta come "torerefazione ordinaria", è stata ribattezzata "torrefazione a ciclo lento", quasi venisse declassata dagli odierni canoni consumistici a poco produttiva perdita di tempo.
Mi piace paragonare la torrefazione alla panificazione, il forno della mia macchina torrefattrice ad un forno a legna, ed il forno delle torrefattrici moderne ad un forno a microonde: ingombrante, lento da riscaldare e pregno di regolazioni manuali il primo, pratico, programmabile e ultratecnologico il secondo.
Detto ciò, io personalmente preferisco la pizza impastata a mano con lievito madre e cotta nel forno a legna, pur essendo a conoscenza dell'esistenza di agglomerati precotti, surgelati e riscaldabili nel forno a microonde.......

Maurizio PUTTO

Caffè industriale vs Caffè artigianale

Potendo visualizzare l’interno del sacchetto,
Voi quale prodotto scegliereste?

Ci siamo fatti in tre per servirvi meglio

Tostatrice FIMT

Disponiamo di tre impianti di torrefazione separati ed indipendenti, che ci consentono una produzione giornaliera complessiva di oltre cento quintali di caffè tostato.

Tostato e...............impacchettato

Seram

Disponiamo altresì di tre impianti di confezionamento, anch'essi separati ed indipendenti, la cui produzione media oraria supera i 12 quintali.

Inserisci il titolo qui

Inserisci il sottotitolo qui

    Lorem ipsum sit amet etc etc etc
    Share by: